Sei in >> HOME / News / umofc /
Mujeres de la UMOFC: manos a la obra
Mensaje de la Presidente General de la UMOFC para el mes de julio 2019, Maria Lía Zervino, Servidora

Riceviamo da Secrétariat WUCWO UMOFC
E volentieri abbiamo tradotto per voi

"Date loro da mangiare" (Lc 9,13) il Signore ci dice. "Ciò che abbiamo dà frutto se lo doniamo. - questo è ciò che Gesù vuole dirci; e non importa se è poco o molto. Il Signore fa grandi cose con la nostra piccolezza, come ha fatto con i cinque pani (...) agisce con umili gesti. L'onnipotenza di Dio è umile, fatta solo di amore. E l'amore fa grandi opere con il piccolo. "(Omelia Papa Francesco, 23 giugno 2019).

Cari amici, in questo mese di luglio, prima di tutto, vorrei ringraziarvi per il lavoro quotidiano svolto da ogni membro delle nostre organizzazioni, per essere vicini a chi soffre, per curare le loro "ferite", per prendersi cura e proteggere la vita e le famiglie, far crescere la fede e la speranza nel Popolo di Dio, prendersi cura dei bambini, degli anziani, degli ammalati, di coloro che non hanno tetto, educazione o pane e acqua potabile per sopravvivere, per andare incontro ai giovani, per ascoltare e rispondere al lamento della nostra Casa comune ... per pregare e fare adorazione perpetua che arricchisce tutta la nostra rete di vasi comunicanti con la grazia propria della comunione dei santi. I carismi delle organizzazioni WUCWO sono così tanti!

Tuttavia, a volte, percependo tutto ciò che rimane da fare per noi e le poche risorse che abbiamo, succede a noi come ai discepoli di Gesù, che non volevano farsi carico di dare da mangiare a così tante persone che seguivano la predicazione di Gesù. E' allora che il Maligno può ingannarci e farci cadere nella tentazione di abbassare le braccia, di essere indifferenti, o di seguilo come fino ad ora senza cercare risposte creative e senza sentirci responsabili di ciò che accade nel mondo dove dobbiamo vivere.

Ci sentiamo responsabili per il fatto che a causa di un'alimentazione adeguata, tra le molte altre cause, si generano flussi migratori che portano alla separazione delle famiglie, alla tratta di persone, alla migrazione di minori non accompagnati, all'abuso di molti di loro? Siamo consapevoli che dobbiamo contribuire a raggiungere il traguardo della "fame zero" perché questo pianeta può, con la tecnologia che abbiamo oggi, nutrire tutti noi che siamo stati chiamati al banchetto della vita?

La fame nel mondo, dopo la riduzione degli ultimi 30 anni, è aumentata nuovamente secondo le cifre dell'Organizzazione delle Nazioni Unite per l'agricoltura e l'alimentazione (FAO), nonostante il fatto che, secondo gli Obiettivi dello sviluppo sostenibile (ODS) dovrebbe essere eliminata a livello globale nel prossimo decennio. Il 70% di coloro che soffrono la fame sono donne. E per lo stesso motivo, 150 milioni di bambini hanno un ritardo nella loro crescita.

Durante questi ultimi giorni in cui ho potuto partecipare all'Assemblea Generale della FAO a Roma, e dall'altra ho ascoltato l'omelia di Papa Francesco nella solennità del Corpus Domini, nasce questa riflessione che applico a me stessa e che condivido semplicemente con voi.

Le donne hanno un ruolo centrale nell'alimentazione. Dobbiamo nutrire l'organismo e lo spirito, la cultura e la fede, le persone e la società: siamo state create per dare la vita, generarla dall'interno e generarla intorno a noi. Cerchiamo di non rubare la nostra maternità! Ognuno di noi può e dovrebbe "dare da mangiare".

E qual è la nostra principale fonte, che ci nutre per poter nutrire chi ci circonda e che soffre così tanti diversi tipi di "fame"? È l'Eucaristia, "... c'è Dio racchiuso in un pezzo di pane. Semplice ed essenziale, pane diviso e condiviso, l'Eucaristia che riceviamo ci trasmette la mentalità di Dio. E ci porta a donarci agli altri

È un antidoto a "Mi dispiace, ma non mi riguarda", contro "Non ho tempo, non posso, non è affare mio"; contro lo sguardo dall'altra sponda ". (Omelia Papa Francesco, 23 giugno 2019).

Donne di WUCWO, lo Spirito Santo ci hanno convocato a Dakar e lì ci ha ispirato le risoluzioni sulle quali dobbiamo concentrarci nel periodo 2018-2022: su un pianeta sano, sulle famiglie più vulnerabili e sui loro membri, per sradicare ogni violenza contro le donne. donne e progredire sulla via della santità. Mettiamo a disposizione di WUCWO l'esperienza che ogni organizzazione ha in questi temi: scriviamo al Segretariato sulle nostre attività, inviamo foto e materiali. Condividiamo i nostri pochi pani in modo che il Signore, vedendo che diamo tutto ciò che abbiamo, per quanto piccolo, lo moltiplichi. Donne mettiamoci al lavoro.